Categorie
Frontiera dei rendimenti

Le 50 aziende più grandi al mondo. The 50 Titans

Spesso molti credono convintamente che il mondo delle società quotate più grandi, sia di fatto precluso ai piccoli investitori.

In realtà sono proprio i piccoli investitori che ormai controllano le maggioranze all’interno delle multinazionali grazie a due fattori:

  1. I fondi d’investimento e gli ETF hanno acquistato ed acquistano continuamente azioni delle multinazionali e quindi ne determinano le politiche industriali. Gli ETF ad esempio sono disponibili a chiunque abbia un conto corrente e le quote minime da investire sono poche decine di euro o dollari.
  2. L’esistenza stessa del mercato permette ai piccoli di partecipare alla vita sociale delle imprese anche quelle gigantesche (o titaniche). Senza la quotazione e quindi senza il mercato dei capitali, i monopoli sarebbero gli unici attori a muoversi in un deserto di offerta come testimoniato ampiamente dai sistemi a pianificazione socialista.

E’ possibile allora davvero con pochi euro diventare azionista contemporaneamente delle 50 aziende più grandi del globo?

Si certo.

La proposta di approfondimento è proprio su un apposito indice creato dalla Dow Jones dal nome davvero evocativo:

Global Titans 50 Index.

Il Dow Jones Global Titans 50 Index è un indice aggiustato per il flottante di 50 tra le più grandi (per capitalizzazione di mercato) e le più note società blue chip quotate alla Borsa di New York, all’American Stock Exchange, al Nasdaq, all’Euronext, alla Borsa di Londra e Borsa di Tokyo. L’indice rappresenta le azioni più grandi e più liquide scambiate nei singoli paesi. È stato creato da Dow Jones Indexes per riflettere la globalizzazione dei titoli blue chip internazionali sulla scia delle fusioni e della creazione di megacorporazioni.

Il DJ Global Titans 50 fa parte degli indici Dow Jones Global Titans che sono stati creati per riflettere la globalizzazione dei titoli blue chip internazionali sulla scia delle fusioni e della creazione di mega-corporazioni.

Sono società a grande capitalizzazione con almeno alcune delle loro operazioni al di fuori dei loro mercati nazionali. Ciascun indice è costruito selezionando titoli dai corrispondenti indici di riferimento dei Dow Jones Global Indexes.

Dow Jones offre anche gli indici Dow Jones Sector Titans, che sono indici globali che coprono titoli a grande capitalizzazione in settori come servizi finanziari, prodotti chimici, beni e servizi industriali, energia, beni di consumo e beni e servizi non ciclici.

Se vuoi scoprire come investire facilmente tramite la tua attuale banca sulle 50 aziende più grandi al mondo, puoi cliccare qui e fissare una call gratuita 

 

Categorie
Frontiera dei rendimenti

Spazio 2021 – Nuova frontiera

Chi lo avrebbe mai detto solo qualche anno fa?

E’ stato lanciato un nuovo indice, e di conseguenza un nuovo fondo replicante ETF sulle aziende che investono nella conquista dello spazio.

Le descrizioni dei film anni ’70 che stimolavano la fantasia di noi bambini, da Star Trek, Star Wars, 2001 Odissea nello spazio ora sembra sia diventata realtà.

Dove sta il business?

Dobbiamo capire come, le aziende impegnate in questo nuovo business, estrarranno profitto da queste attività perchè le notizie sono ancora poche e frammentate ma se imprenditori del calibro di Musk, Bezos, Branson si sono buttati a capofitto sul progetto, ne vedremo delle belle.

Propongo dalla fonte Forbes alcuni spunti.

Se sei interessato a conoscere nel dettaglio questo tipo di investimento puoi cliccare qui per prenotare una call.

Il miliardario Jeff Bezos si prepara al suo primo viaggio nello spazio, ma il mondo della space economy non è più solo una cosa per super ricchi o per film di fantascienza. Dietro, infatti, c’è un’industria in crescita con una filiera di aziende private che vi contribuiscono con la loro attività qui sulla Terra. Questo ne fa un trend d’investimento.

Infrastutture cloud e 5G direttamente dai satelliti

“L’infrastruttura spaziale permette l’uso di numerose tecnologie come il cloud, il 5G, l’IoT (internet delle cose), la blockchain e altre ancora. Siamo orgogliosi di partecipare nel dare accesso all’interesse e agli investimenti verso la space economy. Il coinvolgimento di imprenditori di grande successo come Elon Musk, Sir Richard Branson e Jeff Bezoz testimonia perfettamente il potenziale di crescita di tale segmento”.

Il prodotto è stato sviluppato sulla base di un indice costruito su misura, lo Space Index. Quest’ultimo raggruppa circa 30 aziende della space economy tra cui telecomunicazioni via satellite, produzione, collocazione, messa in opera e manutenzione di razzi e satelliti, produzione di equipaggiamento usato nei sistemi satellitari, tecnologia e hardware spaziale, immagini basate sullo spazio e servizi di intelligence.

“La commercializzazione dello spazio, sia che si tratti del lancio di satelliti per far fronte alla domanda crescente di trasferimento dati o per sostenere il sistema GPS e le previsioni meteo, mostra come questo settore sia parte della vita quotidiana delle persone e non si fermi alla sola esplorazione dello spazio”

Il turismo spaziale. Un nuovo trend riservato ora solo ai più facoltosi

Gli investimenti si concentrano sugli operatori di satelliti e produttori di hardware e i principali titoli per peso sono Trimble Inc., Gamin LtdDISH Network CorpEutelsat Communications e SKY Percet JSAT Holdings Inc ma l’indice farà posto anche ad aziende di turismo e accoglienza nello spazio ora che i costi stanno calando e la domanda può essere finalmente soddisfatta. 

Se sei interessato a conoscere nel dettaglio questo tipo di investimento puoi cliccare qui per prenotare una call.

Categorie
Fiscalità Protezione Patrimoniale

Aumenta il rendimento e proteggi il patrimonio. In modo semplice

Non esiste solo la ricerca della performance quella espressa in % per intenderci.

La performance è un concetto più ampio e comprende anche un assetto giuridico appropriato.

Proviamo a pensare di conseguire alti rendimenti finanziari ma all’interno di un assetto giuridico non corretto. Il tutto verrebbe vanificato al primo problema magari non legato ai mercati.

Quali sono gli eventi per chi ha rischio d’impresa (per molti) o rischio morte (tutti)?

Nella vita sappiamo che i rischi che ci cadono addosso hanno sempre una caratteristica che spesso non lascia scampo ed è l’imprevedibilità.

Ma proviamo invece a prevedere questi principali rischi più frequenti (non in ordine di gravità):

  • Divorzio
  • Rischio d’impresa
  • Morte e improvvisa successione
  • Contenziosi fiscali
  • Contenziosi legali
  • Tassazioni patrimoniali
  • Tassazione delle plusvalenze (26%) ad ogni movimento
  • Mancata compensazione tra minus e plusvalenze
  • Mancanza di privacy e anonimato

E ancora altri che riguardano la sfera della persona come una malattia o un infortunio.

Esiste un assetto giuridico e patrimoniale che vada bene per tutti?

No, non esiste perchè va studiato in modo multidisciplinare e costruito tailor-made.

Possiamo però ipotizzare che nella maggior parte dei casi la situazione dell’investitore italiano è molto esposta a quasi tutti questi rischi.

I dossier titoli sono intestati alla persona fisica o cointestati sui quali non è possibile avere alcun riparo da nessuno dei rischi elencati.

Un primo provvedimento potrebbe essere la costituzione di una holding (società che detiene, tradotto dall’inglese) di famiglia che si intesti la parte attiva del patrimonio.

Il codice civile italiano prevede molteplici forme di holding sia sotto forma di società di capitali che di persone.

Questo assetto risolve i problemi:

  1. Privacy (il sistema non collega la persona fisica direttamente all’intestatario del patrimonio)
  2. Divorzio (con un patto societario ben scritto, si evitano inutili spese legali)
  3. Passaggio generazionale più semplice

Nella nostra esperienza abbiamo capito dopo tanti anni che le cose semplici sono le più efficaci ed ecco perchè abbiamo ideato un percorso che è adatto a tutti i clienti che hanno importanti consistenze patrimoniali.

La holding+banca depositaria all’estero+ conto assicurativo+patto di famiglia.

Una struttura semplice, con costi davvero bassi e riconosciuta totalmente dal diritto interno che, al contrario del trust, gode di totale trasparenza fiscale e quindi totalmente accettato dalle istituzioni italiane.

Questo assetto risolve tutti i rischi elencati:

  • Divorzio
  • Rischio d’impresa
  • Morte e improvvisa successione
  • Contenziosi fiscali
  • Contenziosi legali
  • Tassazioni patrimoniali
  • Tassazione delle plusvalenze (26%) ad ogni movimento
  • Mancata compensazione tra minus e plusvalenze
  • Mancanza di privacy e anonimato

Se vuoi approfondire clicca qui per prenotare una call gratuita e ti verranno spiegati i vari passaggi e potrai chiedere circa i tuoi eventuali dubbi.

 

Categorie
MacroEconomia

Crypto semplici

Non c’è niente di peggio che seguire le mode quando parliamo di investimenti finanziari.

Già il titolo ti dovrebbe incuriosire “crypto semplici” perchè è in linea con il bombardamento che la stampa e i media in generale stanno facendo sull’argomento.

Ma cosa sono le cryptovalute?

Quando mi chiesero nel gennaio 2018 di tenere un convegno su Bitcoin alla Banca Popolare di Piacenza, la folta platea presente, era ansiosa di capire se potevano avere da me informazioni importanti per capire meglio il fenomeno Bitcoin.

Il titolo del mio intervento era “Bitcoin, il frutto del peccato” e scandalizzò, come ovviamente deve fare la prima mela, molti accademici presenti.

Purtroppo le fonti “di verita”sono scarse o meglio “quelle cattive” sono abbondantissime e tendono a mistificare la realtà della natura di Bitcoin, le ragioni della sua nascita, e il suo ruolo nell’economia.

Spesso capita, e lo siamo anche in questo caso, concentrati sul rendimento, sulla crescita fenomenale di prezzo o come in questi giorni nel panico per la sua brusca discesa.

La natura di Bitcoin

In quel convegno affrontai il tema partendo dalle motivazioni che portarono la nascita di Bitcoin e su un dato che nessuno aveva analizzato prima e mi riferisco alla sua volatilità.

La natura dei grandi guadagni ha come madre generatrice proprio la volatilità enorme ed è quel frutto del peccato che ci attira verso questo tipo di investimenti ma non vogliamo poi pagare il prezzo “dell’ira divina” e cioè del suo lato psicologicamente duro da sopportare.

Il relativo downtrend (discesa dei prezzi).

Molti confondono la “fotografia” che vedono nel loro dossier titoli con il valore del loro patrimonio tradotto in € e si fanno prendere da ansia ed euforia (dipende in che fase siamo) le quali scatenano comportamenti irrazionali in entrambi i casi.

Acquistare panieri di cryptovalute in modalita “easy”

Sulla natura ed il ruolo di Bitcoin e delle altre Crypto scriverò la mia opinione in un prossimo articolo ma oggi segnalo che se le cryptos sono una cosa che ti attirano con relatvi rischi/opportunità, puoi anche semplicemente in un’ottica di diversificazione, acquistare delle quote di ETF quotati che al loro interno acquistano cryptos.

Questo evita una serie di problemi sia di monitoraggio che fiscali e di sicurezza rispetto a piattaforme di dubbia (a volte) trasparenza.

Se serve un aiuto puoi sempre fissare una call cliccando:

FISSA UNA CALL

 

 

 

Categorie
MacroEconomia

Investire nel lusso globale

Il lusso come asset accessibile

Investire nel lusso significa investire nel settore con uno dei mark-up più elevati.

Il lusso significano aziende dove la ricerca e la qualità rappresentano gli investimenti più cospicui dopo gli investimenti nel marketing, comunicazione e pubblicità.

Gli effetti della pandemia a livello global

La pandemia di COVID-19 ha agito da catalizzatore producendo
un profondo cambiamento nell’industria dei beni di lusso. Le
vendite online sono salite molto nel 2020 fino a raddoppiare la
loro percentuale rispetto alle vendite di beni di lusso globali, dal
12% del 2019 al 23%; si tratta dunque del canale distributivo in
più rapida crescita. Il segmento online diventerà prevedibilmente
il canale principale degli acquisti del lusso entro il 2025, con una
trasformazione radicale nella distribuzione di questi prodotti.
L’ascesa dell’e-commerce rappresenta un’opportunità strategica per
i grandi marchi del lusso di raggiungere nuove regioni e mercati,
ma anche di proteggere i margini di utile, dato che i negozi fisici
vengono sostituiti dalle piattaforme digitali che favoriscono la
vendita diretta in tutto il mondo.

Investire in un unico strumento che comprenda le maggiori Maisons protagoniste di questo settore

La ciclicità del mercato ha favorito i maggiori marchi del lusso, in
particolare quelli che hanno creato range di prodotti diversificati
e che si rivolgono sia al mercato di massa che a quello di alta
gamma. Per esempio, nel 2018 il 20% dei principali marchi della
moda rappresentava il 177% della redditività del settore4, a
conferma della tendenza del mercato del lusso in cui prevalgono
pochi grandi brand. Oltre alla forza del brand, le dimensioni
consentono di crescere orizzontalmente, in nuove categorie del
lusso, incoraggiando le fusioni e le acquisizioni nel settore, come
la recente acquisizione di Tiffany & Co. da parte di LVMH. L’indice
S&P Global Luxury raggruppa le aziende meglio posizionate per
capitalizzare la crescita strutturale a lungo termine dell’industria
globale del lusso.

Com’è composto l’indice del lusso

L’indice è composto da 80 delle maggiori società quotate in
Borsa che si occupano della produzione e della distribuzione di
beni di lusso o della fornitura di servizi di lusso e che soddisfano
determinati requisiti di investibilità. I componenti dell’indice sono
ponderati in base alla capitalizzazione di mercato corretta per il
flottante moltiplicata per un punteggio di esposizione al lusso,
soggetto a limiti di peso per singolo titolo. Questo si traduce
in un paniere diversificato e investibile di società con una forte
esposizione al tema del lusso globale.

Un segmento da inserire nei portafogli in un’ottica di diversificazione e di extra-performance rispetto agli indici generalisti

Per avere informazioni puoi prenotarti una call di 30 minuti cliccando qui.

Categorie
Fiscalità

Ottimizzare la fiscalità del tuo portafoglio

Molti mi chiedono come poter ottimizzare la fiscalità del proprio portafoglio titoli.

La legge fiscale italiana è complessa (non è una novità) e pesante in termini di prelievo (e anche questa non è una novità).

I 3 regimi fiscali attualmente opzionabili hanno tutti delle lacune che producono distorsioni anche gravi.

Per esempio, considerando la stragrande maggioranza delle posizioni di residenti fiscali italiani, quest’ultimi hanno optato per il regime di risparmio amministrato.

Significa che un portafoglio che contenga vari titoli che il fisco giudica fiscalmente diversi, non possono compensare tra di loro minusvalenze e plusvalenze all’interno dello stesso dossier titoli.

Mi spiego meglio:

Se ho conseguito 100 € di plusvalenza sul titolo azionario Alfa non posso compensare le minusvalenze del fondo comune Beta.

In questo caso devo pagare 26€ di tasse che la banca che ho eletto sostituto d’imposta, mi preleva e le minusvalenze le potrò compensare con altre plusvalenze nel comparto fondi non oltre il 4° anno.

Questo è il meccanismo a mio parere assurdo che si va a formare nella gestione dei propri risparmi e che può rappresentare un problema anche sulla performance.

Proviamo a pensare di reinvestire tutta la plusvalenza senza che sia depotenziata da questo meccanismo di prelievo e possiamo subito intuire la potenzialità in termini di aumento della performance grazie al reinvestimento degli utili.

Ma come è possibile conseguire questo risultato ovviamente rispettando le leggi fiscali nella loro totalità?

E’ possibile attraverso un conto assicurativo molto usato dalle banche ma che non permette al cliente di poter scegliere gli asset da inserire.

In pratica esistono gli strumenti ma sono del tutto standardizzati con dei costi che superano il 3% annuo nella maggioranza dei casi.

Il risultato è che non solo non si sfrutta il meccanismo per mancanza spesso di performance a causa degli alti costi ma anche, spesso, ci troviamo di fronte a costi di uscita o impossibilità di poter scegliere cosa inserire nel “contenitore” che spesso sono fondi della stessa emittente.

Insomma un classico pasticcio da conflitto di interesse.

La soluzione però esiste ed è anche alla portata di tutti:

Un conto assicurativo con la possibilità di scegliere gli asset da inserire e con dei costi molto contenuti.

Se ti interessa puoi pure cliccare su questo link.

https://meetings.hubspot.com/ale21

 

 

Categorie
MacroEconomia

La debolezza del dollaro vs un euro inspiegabilmente forte

Il dollaro contro l’Euro ormai viaggia a 1,22 e sembra non fermare la sua debolezza.

Questo comporta una sofferenza nei portafogli che contengono la valuta Americana perchè, nonostante tutto quel che può sembrare, gli asset più importanti in termine di capitalizzazione e innovazione sono quotati a Wall Street in dollari americani.

In parole semplici circa 60% dei titoli quotati anche all’interno dei fondi o ETF sono espressi in dollari e se questo scende, scende anche la loro quotazione.

Ma è davvero una perdita in conto capitale? No e ni questo caso si tratta di un miraggio monetario.

Le valute, come si può vedere dal grafico (dollaro vs Euro) sono destinate ad oscillare per bilanciare i deficit commerciali e sono movimenti naturali e frequenti.

La situazione odierna è simile al 2018 dove gli asset hanno sofferto non tanto per la discesa delle borse ma proprio per la debolezza della valuta americana.

Un investitore USA infatti non vede questa differenza o meglio vede un surplus di valore illusorio sugli asset Europei visto che dalla sua visuale vede un euro che si rafforza e quindi i suoi ETF o fondi che contengono azioni o obbligazioni in Euro salgono anche se le borse arrancano.

Nel breve periodo questa situazione può creare incertezza nell’animo dell’investitore ma nel lungo periodo la strategia di asset allocation pluriennale cancella o mitiga in maniera sostanziale e le oscillazioni dei cambi.

Quale potrebbe essere la battuta d’arresto di questo indebolimento? Forse, se guardiamo al 2018 la quota è 1,25 per poi tornare a rafforzarsi.

Ormai quindi ci siamo e come sempre, anche questa è un’occasione per investire nel lungo periodo approfittando di questa, ripeto, illusione monetaria che potrebbe rappresentare un piccolo vantaggio.

La diversificazione attuata in modo scientifico paga sempre con asset in contrapposizione tra loro e quindi decorrelati i quali permettono di attenuare gli effetti di brevissimo termine.

Chi sta investendo in modalità “accumulo” è un momento propizio.

 

Categorie
MacroEconomia

E-commerce: in crescita, nel 2022 nei paesi emergenti varrà 4000 miliardi

L’e-commerce in Italia cresce del 15% anche quest’anno in termini di volumi d’affari con un valore di acquisti che sfiora i 27 miliardi.

Nei Paesi sviluppati, l’acquisto online ormai rappresenta un mercato consolidato destinato a cresce a ritmi sostenuti ma non rappresenta una novità assoluta se pur ancora stupefacente.

Immaginiamoci di tornare indietro di 15-20 anni e pensare alle scelte che avremmo fatto nei nostri portafogli.

Avremmo inserito aziende dedicate all’ e-commerce e sviluppo (uno non esiste senza l’altro) di reti sempre più veloci di connessione?

Oggi titoli come Amazon sono famosi e il loro business ben definito e anzi già in fase di diversificazione come l’offerta “entertainment” con la piattaforma Prime Video e la produzione di film.

ma se tornassimo indietro, ripeto, li acquisteremmo? Credo che nessuno possa rispondere negativamente a questa ipotesi del tutto fantasiosa perchè non si può viaggiare indietro nel tempo, ma si può per esempio azzardare che questo trend secolare si possa ripetere con la stessa ampiezza se non superiore nei mercati che ancora hanno arretratezza nei sistemi informatici e di connessione.

Insomma il futuro del nostro recente passato si può ripetere nei mercati emergenti soprattutto africani.

(fonte dcommerce) “Ma nelle economie emergenti, il commercio elettronico è destinato a registrare un vero e proprio boom, dove si prevede da qui al 2022 una crescita sostenuta degli utilizzatori di smartphone, che sarà un fattore abilitante per l’impennata delle vendite di beni e servizi online. A prevederlo è una recente ricerca di The Boston Consulting Group, che parla di una crescita degli utenti internet in quelle regioni dai 2,1 miliardi di persone del 2017 ai tre miliardi del 2022, pari a tre volte il numero degli utenti attivi nelle economie sviluppate. Di conseguenza il valore della spesa influenzata dalla rete si aggirerà intorno ai 4mila miliardi di dollari”

Ma quali aziende scegliere in questo settore così difficile?

Vale la pena di fare stock picking e quindi avventurarsi nella selezione singola con le informazioni magari trovare su google?

Lo sconsiglio.

Esistono selezioni di fondi attivi ma anche alcuni ETF passivi a costi davvero molto competitivi, disponibili come è noto a tutti, per essere “inside” the next boom.

Senza svelarne il nome, propongo invece la composizione di un indice che registra la crescita di questo settore proprio in questi Paesi (e non solo) appena elencati.

Categorie
Frontiera dei rendimenti

Alla ricerca di rendimenti. Il segmento ESG. Scopriamo di cosa si tratta.

Environment.

Social

Governance

Questa nuova categoria identifica 3 indicatori utilizzati dai gestori (sicav ed ETF) per scegliere le aziende da inserire nei portafogli dei fondi socialmente responsabili.

Cosa significa nella pratica?

la più diffusa pratica di selezione è l’esclusione di titoli che sono nel settore tabacco, armi, pornografia, alcol.

Poi esiste un secondo filtro da applicare a questo insieme già depurato e cioè l’impatto ambientale, sociale e di governance delle aziende e degli Stati in cui investe (Esg appunto). La scelta è basata su un’analisi extrafinanziaria che, per quanto riguarda l’ambiente, valuta per esempio le emissioni di CO2.

Infine, il terzo passo è verificare se il gestore, oltre a dati e analisi interne, si appoggia ad agenzie di rating etico e società di consulenza. Incrociando i dati extrafinanziari, interni ed esterni, si realizza infatti una migliore valutazione delle singole aziende

Si sta arrivando ad una Ecolabel per aziende e relativi prodotti che rispettano questo tipo di caratteristiche.

A breve quindi avremo già una sorta di marchio o certificazione sintetica che ci indicherà questo tipo di selezione.

Ma a livello di rendimenti queste aziende già certificate come sono andate fino ad oggi?

Lo possiamo vedere dal grafico in evidenza.

Questo tipo di selezione, al di la dei suoi aspetti etici (molto importanti che lascio alla sensibilità individuale) è possibile effettuarla anche con una selezione molto ampia di ETF.

I risultati sono molto incoraggianti.

San Marco Capital ha le competenze e la tecnologia per costruire portafogli che rispettano queste caratteristiche già oggi.

 

 

Categorie
MacroEconomia

La politica. Quanto incide sul risultato dei tuoi investimenti?

Le elezioni per il POTUS si sono appena concluse.

Anzi no.

Sono totalmente in corso e non è per niente la prima volta. Infatti il sistema di elezione semi-diretta del Presidente degli USA è stato concepito sulla falsariga dell’elezione del Doge Veneto. Fu infatti Benjamin Franklin che venne a Venezia per studiarne il sistema istituzionale poco prima dell’abdicazione per mano napoleonica della Repubblica Veneta, compreso quel particolare sistema elettorale di designazione della più alta carica della Repubblica che per molti secoli aveva permesso ad una comunità di vivere sostanzialmente in armonia, nel progresso sociale ed economico; e tale osservazione contribuì in qualche misura ad introdurre un sistema simile per l’elezione del Presidente della Federazione Americana.

“Ballots” infatti (le schede elettorali) deriva da “balota” (in lingua veneta) e cioè una via di mezzo fra pallina (“baléta”) e palla (“bàla”) in lingua italiana. Quelle stesse “palle” che venivano messe nell’urna e poi venivano estratte da un bambino secondo un rigido e articolato procedimento regolato da un protocollo trasparente che, con un complesso algoritmo di esclusioni incrociate, eleggeva il Doge.

Il meccanismo era stato inventato così complicato per evitare accordi sottobanco dei partiti e frodi nel voto – i cosiddetti “brogli”, definiti con questo termine perché maturavano nel “brolo” (cortile interno) di Palazzo Ducale – in modo che il Doge fosse davvero eletto quasi casualmente, o comunque nel modo più imparziale e meno arbitrario possibile. L’unico che poteva protestare per la sua elezione, nel caso ve ne fossero le ragioni, era il popolo che all’esposizione del nuovo Doge poteva dissentire con fischi e rumoreggiamenti.

Venendo alla cronaca del 3 novembre, il risultato è momentaneamente a favore dello sfidante del POTUS in carica, il quale ha annunciato una verifica contro presunti brogli in grande stile. Corte Suprema Federale e organismi di indagine sono sul campo.

Ufficialmente, quindi, e fino al 20 gennaio c’è un solo Presidente, come per ogni elezione oltretutto, ed è Donald Trump.

I mercati immersi in tanta incertezza dovrebbero crollare, giusto?

No. I mercati sembrano non interessati, se non in qualche piccolo movimento giornaliero apparentemente volatile.

Allora cosa può succedere se vince Biden o Trump?

Ovviamente non sta al sottoscritto fare previsioni sull’andamento delle borse, perchè in questo momento è impossibile, ma possiamo invece riflettere sia sul grafico in evidenza che oggi propongo, sia su un altro fattore molto importante.

I tassi sui titoli obbligazionari sono a ZERO o sotto. Questo scenario è totalmente nuovo nella storia dell’economia, il che significa che è come essere sbarcati su Marte e cercare l’acqua potabile.

Ergo: non ci sono alternative all’assunzione di un certo rischio, da gestire con molta attenzione.

E, su questo, San Marco Capital ha le idee chiarissime, avendo gli strumenti e l’esperienza per gestire questo momento di incertezza, ma anche di grande opportunità.